Organizzare un trasloco rappresenta una considerevole fonte di stress, ma è altresì vero che, passato il momento, apre le porte a una nuova vita che reca con sé grande soddisfazione e nuova linfa vitale.

In città molto grandi e trafficate come Milano o Roma, è bene affidarsi a dei professionisti del settore per evitare problemi e difficoltà che rischierebbero di mandare per aria i vostri programmi.

Effettuare un trasloco in famiglia conviene?

Traslocare, a detta di molti, esperti e meno esperti, è una delle attività più stressanti che ci siano. Soprattutto se si hanno dei bambini, degli anziani a carico o comunque delle persone non autosufficienti di cui occuparsi.

Se siete single e giovani, o comunque una coppia giovane senza figli, per il vostro trasloco avrete sicuramente energia e voglia di effettuarlo in autonomia o tuttalpiù potrete farvi aiutare da qualche amico, magari in possesso di una macchina capiente. Qualche viaggio in più e un po’ di benzina o una cena a fine trasloco basteranno per mettere le cose a posto. C’è anche chi, una volta imballato tutto secondo i propri criteri, affitta per una giornata un furgone e ci dà dentro nel carico e scarico.

E se invece siete una famiglia con dei bambini al seguito? Qui il trasloco si complica.

Dovrete trasmettere ai vostri figli una certa serenità (una vera impresa durante un trasloco), non mostrarvi stressati, nei discorsi e nel linguaggio del corpo, non sbuffare e non essere ansiosi sugli orari.

Se avete intenzione di fare il trasloco da voi, sarebbe bene attendere la fine dell’anno scolastico, evitando anche le famigerate feste d’addio prima del trasloco, le quali non fanno altro che trasmettere tristezza.

Stesse difficoltà se avete in casa con voi parenti molto anziani e non autosufficienti a cui badare tra scatoloni, nastro da imballaggio, polvere, documenti e confusione imperante. Avere a mente tutto e non dimenticare alcun particolare resta un’impresa. Come fare?

Se avete una famiglia numerosa o dovete trasferirvi in una grande città, allora potrete già pensare di rivolgervi a ditte specializzate, le quali sono in grado di fornire un servizio a tutto tondo, dal sopralluogo all’imballaggio, dallo smontaggio dei mobili al trasporto, dallo scarico al rimontaggio della vostra roba.

Come organizzare un trasloco a Milano?

In una grande città come Milano, effettuare un trasloco in self care può rivelarsi una vera impresa. Sul territorio sono infatti tantissime le aziende specializzate che offrono assistenza a quanti debbano trasferire la propria vita, privata e professionale, fornendo specializzazione, esperienza e tecnologie dedicate.

Un buon servizio di trasloco richiede sensibilità, conoscenza delle caratteristiche dei beni da trasportare e dei materiali di imballo, ma anche attenzione personale e cura particolare.

La manodopera di una ditta di traslochi deve essere specializzata nello smontaggio e nel rimontaggio dei mobili, nell’imballo adeguato, nelle tecniche di inscatolamento e di utilizzo di materiali di imballo innovativi al fine di assicurare che ogni singolo collo arrivi a destinazione nelle medesime condizioni di partenza.

Ovviamente firmerete un contratto e potrete stipulare, se lo riterrete necessario, una polizza assicurativa se tra i vostri beni ci sono oggetti di valore, economico o affettivo.

E poi un’azienda specializzata può disporre di un mezzo di sollevamento, soprattutto se abitate a una piano alto. Il classico pianoforte con la corda che si rompe lasciatelo alle comiche di Stanlio e Onlio.

Sia che si tratti del vostro mobilio o delle attrezzature del vostro ufficio, organizzare un trasloco per bene vuol dire sapere quando è necessario rivolgersi a dei professionisti, senza intestardirsi nello stipare la vostra autoritaria di scatole e fare centinaia di viaggi avanti e indietro…

La vostra serenità ve ne sarà grata!

Comments

comments

Di admin

Lascia un commento